L’ultimo lavoro della coppia di cineasti austriaci Veronika Franz and Severin Fiala è film di genere thriller-horror di certo originale ma meno tagliente della precedente pellicola Goodnight Mommy (2015).
The Lodge si muove tra il reale e l’onirico, tentando di sfumare i contorni del passaggio tra i due piani, operazione che non è sempre ben riuscita.
Una donna si suicida alla richiesta di divorzio da parte del marito, determinato a sposare un’altra donna, sua ex paziente.

I figli della coppia, Aidan (Bill Denbrough del primo capitolo di  “IT” di Andy Muschietti) e Mia (Lia McHugh) sono prevedibilmente sconvolti dalla notizia e non accolgono di buon grado – anche a distanza di mesi dall’accaduto – l’entrata in scena della nuova compagna del padre Grace (interpretata da Riley Keough, nota per “Mad Max: Fury Road” del 2015 e “La casa di Jack” nel 2018), che tuttavia è risoluto a organizzare una gita in montagna per consentire la reciproca conoscenza di fidanzata e figli. I ragazzi hanno fatto qualche ricerca sul passato della donna, scoprendola unica sopravvissuta di una setta di devoti a Cristo, tutti morti suicidi eccetto lei.

II piano del padre è dunque di lasciare i due ragazzi in compagnia della futura matrigna per qualche giorno e poi raggiungerli a Natale. Tuttavia, una volta lasciati soli in questa vecchia casa di montagna, i tre dovranno fronteggiare una serie di eventi angoscianti e inspiegabili che iniziano a verificarsi.
L’escalation avrà un tragico svolgimento quando le psicosi della donna, a fronte di questi eventi, la convincono che l’espiazione dei suoi peccati è l’unica via per la salvezza. Da un certo momento la confusione nella sua mente segnata da traumi pregressi raggiunge il culmine e nulla potrà tornare come prima.
A un’ambientazione e atmosfere molto d’impatto, dominate da un’estetica sofisticata (il direttore della fotografia Sergio Casci vanta collaborazioni con Yorgos Lanthimos) fa da contraltare una sceneggiatura a tratti acerba e sicuramente meno riuscita. I toni desaturati e il contrasto dello scuro e opprimente legno (della casa in montagna e di quella vagheggiata nei deliri della ragazza) si stagliano a più riprese come il peccato contro il bianco pervasivo della neve che isola i protagonisti.
Sebbene intriso di ottimi spunti, la pellicola arranca soprattutto nella parte centrale, diventando piuttosto ripetitiva e cristallizzandosi su una serie di fenomeni che vorrebbero trascinarci sempre più a fondo nella paranoia della ragazza.


Il punto di vista è confusamente ripartito tra i due fratelli e la donna, cosicché ci troviamo inizialmente a seguire lo sviluppo degli eventi dalla prospettiva dei ragazzi, per poi passare a quella di Grace e ritornare infine sui primi. Scelta poco convincente che mette in luce alcune debolezze della sceneggiatura, co-scritta dai due registi insieme a Casci.
Il perno di The Lodge è certamente sviscerare l’idea del peccato e del pentimento. Chi è il peccatore e chi la vittima tra la donna e i due giovani? Chi ha delle colpe da espiare più pesanti dell’altro, chi deve pentirsi? Lei che è stata a suo modo una “causa” della morte della madre ed è reduce da un oscuro passato o loro che la sottopongono alla loro spietata rabbia vendicativa.

Il film è stato presentato al Sundance Film Festival di e sarà nelle sale italiane dal 16 gennaio 2020.

Jessica Sottile

There are no comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Start typing and press Enter to search

Shopping Cart

Nessun prodotto nel carrello.