REGIA: Justin Baldoni

Cast: Cole Sprouse, Haley Lu Richardson, Claire Forlani, Parminder Nagra, Emily Baldoni, Moises Arias, Gary Weeks, Kimberly Hebert Gregory

A un metro da te è un film di genere drammatico/sentimentale che narra la vicenda di Will e Stella, due giovani malati di fibrosi cistica che si conoscono e si innamorano durante un ricovero in ospedale.

Il film porta l’attenzione sulla vita assai sofferente e limitata dei pazienti affetti da questa malattia genetica: la fibrosi cistica è una patologia multiorgano, che colpisce soprattutto l’apparato respiratorio e quello digerente.

E’ dovuta ad un gene alterato, che determina la produzione di muco denso; questo muco chiude i bronchi e porta a infezioni respiratorie ripetute, ostruisce il pancreas impedendo la digestione e l’assimilazione dei cibi. Will e Stella ricordano un po’ Romeo e Giulietta: giovani, carini, innamorati.

Stella è ligia alle terapie, molto attenta alla sua salute che cerca di tutelare con ogni mezzo, per poter aspirare ad un trapianto; Will è il bel tenebroso che tenterà di portare un po’ di emozioni nella vita ordinaria di Stella.

Il film è pieno di colpi di scena e romanticherie che riescono a stemperare la durezza della vita condotta dai protagonisti. Un ruolo di primo piano viene giocato dalla tecnologia: Stella ha un blog in cui parla della propria malattia ed, in generale, i ragazzi utilizzano molto i social per comunicare. In questo caso, paradossalmente, la distanza messa da pc, tablet e smartphone non rende le relazioni fredde ed impersonali, aiuta invece i ragazzi a tutelare la propria salute, perché i malati di fibrosi cistica devono rimanere a distanze di sicurezza per evitare infezioni e contagi (da cui il titolo del film).

A un metro da te, dal 21 marzo al cinema.

Sabrina Dolcini

There are no comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Start typing and press Enter to search

Shopping Cart

Nessun prodotto nel carrello.