Arriva nelle sale cinematografiche il prossimo 3 novembre “la pelle dell’orso”, un film di Marco Segato con Marco Paolini, Leonardo Mason e Lucia Mascino.

Tratto dal romanzo di Matteo Righetto, il film è ambientato negli anni Cinquanta in un piccolo paese delle Dolomiti in cui vivono Pietro e Domenico, padre e figlio, legati da un rapporto alquanto complesso e scostante a causa del carattere scontroso del padre e da segreti per troppo tempo tenuti nascosti a Domenico, che verranno svelati nel corso della storia.

Una notte ricompare il “diaol”, un orso bruno che già in passato ha seminato il terrore nel paese; Pietro sfiderà se stesso e i compaesani decidendo di salire in montagna ad uccidere l’orso, in cambio di una ricompensa; Domenico seguirà il padre in un’avventura che porterà dei cambiamenti nelle loro vite.

Oltre ai personaggi principali, le Dolomiti si offrono come co-protagonista essenziale del film: montagne aspre e magnifiche, vette vertiginose, strapiombi e la calma inquitante della notte, con i rumori degli animali e del vento.

Molto curati i costumi e la scenografia nel rappresentare la vita tra le valli nel dopoguerra: chiunque abbia avuto origini rurali o abbia potuto ascoltare i racconti dei nonni, non potrà che commuoversi nel rivedere gli strumenti della quotidianità domestica, della vita nei campi e dell’allevamento del bestiame.

Ciò che lascia perplessi del film è la rappresentazione dell’orso come figura soprannaturale, la grande belva da distruggere per diventare adulti (nel caso, chiaramente, di Domenico).

A parte gli evidenti errori nel descrivere alcune abitudini dell’orso, il limite del film è proprio quello di non riuscire a rappresentare un orso che possa incarnare le paure ancestrali.

Lo spettatore avrà la sensazione di un animale, perfettamente inserito nel proprio eco-sistema, che non è interessato ad attaccare l’uomo (negli ultimi duecento anni non vi sono notizie di orsi che abbiano ucciso esseri umani in Italia), ma solo a fare ciò che sa fare al meglio, e cioè l’orso.

Peraltro l’orso bruno del film, un esemplare maestoso dal pelo lucidissimo, ci ricorda che già negli anni Cinquanta questi animali erano pressochè estinti e che oggi la nostra attenzione va posta alla loro salvaguardia, più che ad una demonizzazione superstiziosa.

Sabrina Dolcini

lapelledellorso

There are no comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Start typing and press Enter to search

Shopping Cart

Nessun prodotto nel carrello.