Un movente, un delitto, un alibi. Ma la verità???

Una doppia coppia, come una partita a poker.

L’avvocato (Keanu Reeves) amico intimo di famiglia, deve difendere il figlio della moglie (Renèe Zellweger, praticamente irriconoscibile) dall’accusa di parricidio.

Renee Zellweger, nominee Best Performance by an Actress in a Motion Picture, Comedy or Musical for "Miss Potter" 64th Annual Golden Globe Awards - Arrivals Beverly Hilton  Beverly Hills , CA USA January 15, 2007 Photo by Steve Granitz/WireImage.com To license this image (12249040), contact WireImage: U.S. +1-212-686-8900 / U.K. +44-207-868-8940 / Australia +61-2-8262-9222 / Germany +49-40-320-05521 / Japan: +81-3-5464-7020 +1 212-686-8901 (fax) info@wireimage.com (e-mail) www.wireimage.com (web site)

Il padre (Jim Belushi) dalla parvenza autoritario e draconiano, il figlio unico amatissimo (Gabriel Basso) il quale deve però seguire le orme dell’importante avvocato e padre che vuole tracciare il percorso del figlio, senza se e senza ma. Il quadro sembra comunque nella norma, nonostante tutto, ma ecco che scatta la violenza con omicidio per riparare le ingiustizie e la violenza che subiva la madre, da parte del marito.

doppia ver_4

Ora la partita è in mano agli avvocati che se la “giocano” come al solito, con l’accusa che chiede il massimo della pena e la difesa per l’assoluzione del cliente. Ma ricostruire il fatto, con testimoni non proprio attendibili, la menzogna la fa da padrona in aula, non è facile e il colpo di scena è palpabile sin dall’inizio, la giovane assistente dell’avvocato della difesa solleva il dubbio in maniera molto evidente.

doppia ver_2

La sceneggiatura lascia qualche buco che porta a sollevare dei dubbi, senza l’intervento del classico Dott. Watson, sulla decisione finale.

There are no comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Start typing and press Enter to search

Shopping Cart

Nessun prodotto nel carrello.