“Se permetti non parlarmi di bambini!”,

commedia argentina che tratta con ironia ed intelligenza un tema sicuramente attuale, quello cioè delle famiglie di nuova formazione, provenienti da separazioni e divorzi. Nello specifico qui si affronta l’idiosincrasia della single e determinata Vicky verso tutti i bambini: riuscirà Gabriel, padre separato, a conquistarla per arrivare all’happy and?

se-permetti-2

Sicuramente il compito viene semplificato dalla spassosa Guadalupe Manent che, nel ruolo di Sofia, figlia di Gabriel, ruba la scena e il cuore a tutti.

Dialoghi brillanti e mai banali sostengono una commedia sicuramente riuscita in cui  Vicky, frequentatrice di feste “no kids”, in cui cioè non sono ammessi  i bambini, rappresenta una fetta di popolazione sempre più ampia, sempre esistita,  che non andrebbe demonizzata.

se-permetti-3

Non saranno certamente dispendiose ed inutili campagne informative sul famigerato “orologio biologico”, che porteranno a decidere se crearsi o meno una famiglia. Ricordiamo tra l’altro che il concetto di orologio biologico, fortemente giudicante rispetto ad un’idea di procreazione che dovrebbe essere appannaggio della coppia e non solo della donna,  è comparso in Occidente negli anni ’70, proprio quando le donne acquisivano maggiori diritti e consapevolezza del proprio ruolo.

Sabrina Dolcini

There are no comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Start typing and press Enter to search

Shopping Cart

Nessun prodotto nel carrello.