L’ultimo spettacolo dei “I Legnanesi” non tradisce le aspettative di pubblico con il tutto esaurito per l’intero programma 2016/2017. Da quando ci fu l’esordio negli oratori di provincia della compagnia capeggiata dai Musazzi ad oggi un crescendo di successi.

I LEGNANESI nacquero, quasi per scherzo, all’oratorio di Legnarello a Legnano nel 1949, su idea di Felice Musazzi, costretto, da una disposizione del Cardinale Schuster che vietava le rappresentazioni teatrali promiscue, a far interpretare i ruoli femminili da uomini travestiti: da qui ha origine la composizione esclusivamente maschile della Compagnia.

Mantenere viva la voglia di vederli o rivederli in uno spazio oramai  di molti decenni è un’impresa oserei dire unica, il fascino della vecchia Milano (quella dei cortili) la famiglia Colombo, con la Teresa, Mabilia e il mitico e tartassato Giovanni accompagnati da parenti vicini e lontani, amici del nord e del sud, rappresentanti del clero e delle istituzioni (assessori, vigili urbani e ogni altra sorta di enti dello stato) rendono ogni spettacolo unico, ma allo stesso tempo vario e variopinto con i vestiti di scena sempre  più spettacolari.

colombo_1

Teresa (matrona plebea) donna di cortile, sempre presente, che rispecchia i “povercrist”, alle prese ogni giorno con rivalità di ringhiera, i torti sul lavoro o tra vicini, le difficoltà economiche e le preoccupazioni per la figlia ultra maggiorenne ancora da mantenere (cosa tipica anche nei nostri giorni, guarda un po’).

Mabilia, la figlia zitella, incarna il cliché di un certo mondo femminile di massa, dove l’apparenza è l’unica cosa importante, sempre al di sopra delle sue possibilità, che sogna di emergere e di diventare una soubrette (stereotipo sempre dei nostri giorni…guarda un po’).

colombo_2

Unico uomo del cortile, Giovanni è un personaggio di poche parole, capace di restare in scena senza aprire bocca, giocando solo sulla mimica facciale e sulla camminata incerta tipica di chi ha alzato troppo il gomito (oramai un mito dei personaggi che incarnano i Colombo).

colombo_3

Tutto ciò è cultura popolare, portare in scena le storie, i costumi e le tradizioni lombarde le fanno  apprezzare anche fuori dai confini regionali, facendoci ricordare che la famiglia, il lavoro, la crisi economica, i rapporti di vicinato e la nostra classe politica non è poi cambiato molto e i riferimenti sono purtroppo sempre attuali. La prova di tanto successo sono le vendite di dvd (distribuiti da Dna srl ) che oramai in proporzione, superano quelli dei prodotti d’oltre oceano, con budget stratosferici.

There are no comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Start typing and press Enter to search

Shopping Cart

Nessun prodotto nel carrello.