Caro formatore,

il film più didascalico che sia mai stato prodotto è “First Blood”, del 1982. Il titolo italiano è “Rambo”. E’ fatto per insegnare il processo manageriale. Eppure la maggior parte delle persone sono convinte che si tratti di un’americanata, di un film pacchiano, di un primo tentativo di manipolare l’interpretazione della guerra del Vietnam.
Certo, John Rambo ha sicuramente i tratti dell’eroe caricaturale.

FirstBloodRambo_3106Pyxurz

Quando sale di prepotenza sul camion invita l’autista terrorizzato a guardare la strada: “E’ così che si fanno gli incidenti…”. Poi distrugge una città intera. E’ chiaro che si tratta di una figura iperbolica, possiamo dire simbolica, il cui compito è mettere a confronto due personaggi molto più reali, anche tratteggiati in modo didattico: lo sceriffo Teasle (Brian Dennehy) ed il Colonnello Trautman (Richard Crenna), due archetipi a tutti noi noti: il Capo reattivo ed il Manager proattivo.
“Proattività” è uno dei termini più utilizzati nel pittoresco mondo del Business. Di fronte ad un collaboratore che si giustifica per un errore capita frequentemente di sentire:
“Ma da te mi aspetto più proattività!!!”.
E’ un rimprovero che arriva da chi, da bordo campo, giudica il giocatore dopo l’azione, quando tutti hanno ormai capito cosa si sarebbe potuto fare. Il malcapitato non può difendersi, ormai la partita è persa!
Ma la proattività, quella vera, è invece l’attitudine chiave del Manager, e Rambo è un testo monotematico sul tema, che vuole togliere ogni dubbio in proposito.

firstblood1
Lo sceriffo Teasle è sempre focalizzato su quanto avvenuto prima, reagisce meccanicamente ad uno stimolo come l’ameba quando si ritira dall’attacco. Non pensa mai alle conseguenze delle sue azioni. I suoi risultati sono il minimo dell’efficacia ed il massimo del dispendio di energia. Produce situazioni dannose a catena cercando di riparare i danni che lui stesso ha generato. Allarga la voragine con le sue stesse inconsapevoli mani. Il povero Teasle paga tutto il prezzo della reattività!

Rambo Trautman
Trautman è invece interessato a quanto succederà, e mette in atto lo schema: “Prima analizzo la situazione, poi valuto le opzioni sul tavolo, poi scelgo l’opzione che ritengo migliore”. Il suo approccio è puramente proattivo.
Se mettiamo le due figure a confronto si nota che mentre Teasle ha tutto quanto servirebbe a raggiungere il risultato, come la Stella appuntata sull’enorme petto, le armi, un team da lui stesso reclutato, mezzi vieppiù potenti e costosi, Trautman al contrario non ha nulla, neppure una mostrina che possa indicare la sua storia. Il suo equipaggiamento è ridotto ad un impermeabile ed un basco!
Anche la scelta degli attori non è casuale: Dennelly è largo in viso e nel corpo, una sorta di tarocco della tracotanza impotente, Trautman sottile ed affusolato, la forza mentale.
Teasle non riesce ad ottenere nulla se non offrire a Rambo mezzi sempre più potenti per distruggere il mondo che uno Sceriffo è pagato per difendere eppure sarà Trautman ad ottenere il risultato, con un semplice mezzo: l’ascolto.
La situazione è didascalica ma significativa, ironica ma reale: Trautman cerca in tutti modi di suggerire a Teasle la soluzione del caso, ma quest’ultimo si rifiuta pervicacemente di ricevere qualsiasi consiglio, oltre che di leggere segni e sintomi che potrebbero indirizzarlo verso una strategia più efficace ed efficiente.

Rambo_first7
Lo Sceriffo non pensa neppure che offrendo un lavoro a Rambo potrebbe moltiplicare l’efficacia del suo maldestro Team (anche chi fa selezione del personale qualche spunto lo può trovare…), invece legge la situazione.
L’analisi di tutti i disastri, compreso quello più recente di Fukushima, dimostrano che il Management sottovaluta tutti i segnali di allarme…
L’esperienza in consulenza dimostra quanto sia difficile offrire suggerimenti, forse perché è difficile accettarli… La cacciata di Adamo ed Eva dal Paradiso non è stata causata da un suggerimento non ascoltato? Dalla Bibbia a Rambo il tempo sembra essersi fermato…
Tornando quindi ai veri protagonisti del film di Ted Kotcheff, vediamo quindi le caratteristiche a confronto:
– Capo reattivo: il suo comportamento è guidato dagli eventi passati, si focalizza su quanto è appena avvenuto invece di immaginare quanto avverrà, da ordini invece che addestrare, parla e non ascolta, guarda ma non vede, da ordini facendo leva sulla propria posizione gerarchica e non accetta consigli, ricerca il colpevole, rimprovera i propri collaboratori, si fida degli strumenti più che delle persone.
– Manager proattivo: non reagisce mai d’impulso (non alza la voce, non si arrabbia), è focalizzato sul futuro e si prende del tempo per interpretare il presente, quando guarda vede oltre, addestra invece di dare ordini, ascolta e parla poco, si prende la responsabilità, si fida delle persone prima che degli strumenti, cerca di convincere piuttosto che imporre.

rambo surrender
Amico formatore, so che ti starai facendo una domanda: la “proattività” di può veramente insegnare?
L’esperienza di “coaching” ai manager è spesso scoraggiante, al punto che un consulente americano, sulle soglie della pensione, rilasciò un’amara dichiarazione: “Ho dedicato gran parte della mia vita ad insegnare il management ai capi, ora mi rendo conto di avere sprecato 30 anni…”.
Recenti modelli sviluppati in contesto anglosassone ci insegnano che ci sono risorse immodificabili, i “Talenti” (anche qui torna la Bibbia…), sui quali non possiamo intervenire, in quanto sono, per definizione, il patrimonio non modificabile della persona. Possiamo intervenire però sulle “competenze”, incidendo sul piano cognitivo (qualcuno parla di “mappe mentali”) per aiutare lo Sceriffo a mettere in campo strategie comportamentali maggiormente efficienti ed efficaci.
La proattività non è un Talento, si può imparare. I comportamenti proattivi sono basati su competenze evolute, ad esempio schemi cognitivi che permettono di interpretare piuttosto che “reagire”. Non vale per tutti. Ci sono i reattivi “cronici” che non rispondono a nessuno stimolo formativo, forse non dovrebbero fare lo Sceriffo…

rambo firing

C’è comunque un’area di mistero, come misteriosa è la capacità di tanti eroi aziendali di sopravvivere allo Sceriffo di turno …
Ma Rambo non si arrende, e ripete all’infinito il suo messaggio: “Prima di agire, conta fino a 3…, altrimenti, prima o poi, qualcuno si fa male…”

Luigi Rigolio

http://www.mlacademy.it/

There are no comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Start typing and press Enter to search

Shopping Cart

Nessun prodotto nel carrello.